Il metodo classico

La cantina

I vigneti

La famiglia

Famiglia2015

Fin dal 1953 L’azienda Agricola Deltetto produce vini di alta qualità nelle storiche e pregiate zone vitivinicole di Roero e Langhe. Ubicata a Canale, nel cuore del Roero, venne fondata da Carlo Deltetto che subito delineò la filosofia aziendale rispettosa della natura e della grande tradizione vitivinicola piemontese. Oggi lo spirito del fondatore è stato raccolto dal figlio Antonio, entrato in azienda nel 1977 dopo gli studi di enologia, assieme alla moglie Graziella e ai loro figli Carlo, Cristina e Claudia. Nel 2011 la famiglia si è ulteriormente allargata con l’arrivo di Lidia, la quarta generazione dei Deltetto, figlia di Carlo e di sua moglie Paola. Negli oltre 21 ettari di vigneti vengono prodotti i grandi rossi della tradizione come il Roero D.O.C.G Riserva “Braja”, le due Barbera d’Alba D.O.C. “Rocca delle marasche” e “Bramé”, il Langhe D.O.C. Nebbiolo e i vini bianchi che nel Roero hanno trovato il loro habitat naturale come i due Roero Arneis D.O.C.G. “San Michele” e “Daivej” e il Langhe D.O.C. Favorita “Servaj”. Ma molte sono le sfide vincenti intraprese dall’Azienda Agricola Deltetto durante i suoi oltre 60 anni di vita come il Barolo D.O.C.G. “Sistaglia”, il Langhe D.O.C. Pinot Nero e il Vino Passito “Bric du Liun”. Nel 2000, dalla passione della famiglia Deltetto per le bollicine di alta qualità, nascono infine il V.S.Q. Extra Brut Millesimato, Brut e Rosé, vini spumanti ottenuti con il “Metodo Classico” della rifermentazione in bottiglia che in pochi anni sono diventati una parte fondamentale della produzione, ponendo l’azienda ai vertici della produzione spumantistica italiana.

Vinitaly 2016

Vi aspettiamo al Vinitaly 2016 dal 10 al 13 aprile nella nuova posizione: PAD 10 – stand N2

PROWEIN 2016

Risultati immagini per prowein 2016

Vi aspettiamo al Prowein 2016 dal 13 al 15 marzo presso l’area PIEMONTE: PAD 15  STAND B61

Decanter recommended Favorita Servaj 2014

Guarda la recensione

“Ci sono vizi che confinano con la virtù”

Seneca